Home » » Alla sala Lawrence una mostra sul ‘‘Cristo che corre’’

 

Alla sala Lawrence una mostra sul ‘‘Cristo che corre’’

Tarquinia si prepara alla tradizionale processione di Pasqua
 

TARQUINIA - Tarquinia si prepara a vivere la sua Pasqua speciale, quella del Cristo Risorto, che domenica sarà portato in trionfo per le vie del centro storico. Intanto, per vivere la vigilia, si è aperta una mostra che ripercorre la storia, la tradizione e la fede legati alla più sentita delle celebrazioni cittadine. Da ieri e fino al 21 aprile, infatti, la sala D.H. Lawrence ospita “Il Cristo che corre”, mostra di foto ed oggetti artistici legati alla tradizione del Cristo Risorto. La mostra è aperta la mattina 10,30 12,30 ed il pomeriggio dalle 16,30 19,30. 
Domenica poi il grande evento a partire dalle 17 che coinvolge il centro storico della città. Il percorso prevede la partenza dalla Chiesa di san Giuseppe a seguire: via di San Giuseppe, via dello Statuto, via Garibaldi, via Falgari, ospedale (sosta), via Falgari, via Garibaldi, via XX Settembre, via Umberto I, piazza Cavour (sosta), corso Vittorio Emanuele, piazza Trento e Trieste  (sosta), via San Giuseppe, chiesa di San Giuseppe.   La Statua al termine della processione sarà esposta presso la Chiesa di San Giuseppe ai tanti devoti per quaranta giorni. 
La processione del Cristo Risorto di Tarquinia viene anche denominata del “Cristo che corre”.

La prestigiosa statua del Cristo Risorto viene trasportata a passo spedito, quasi di corsa e tra due ali di folla, per le vie della città. La Statua fu commissionata dalla Corporazione dei Falegnami. Si narra che per ricordare la Risurrezione, venne dato l’incarico ad uno scultore che stava scontando una pena a vita, di scolpire nel legno un Cristo Risorto, superiore in bellezza a quanti già ne esistevano. Narra ancora la leggenda che, per impedire all’artista di fare, in seguito, una nuova Statua identica a quella scolpita o anche più bella, venisse spietatamente accecato.

Apre la processione la squadra degli Sparatori, i fucili dei quali sono caricati a salve con coriandoli. Una componente originale di questa processione è quella dei portatori dei Tronchi: grandi Croci con ghirlanda. Si tratta di croci il cui peso si aggira dai settantacinque ai novantacinque chili. Di notevole altezza (la più grande raggiunge circa 5 metri) il loro trasporto richiede una notevole abilità e forza per non essere sbilanciati durante il trasporto. E’ una dimostrazione di forza, di abilità e di resistenza.

(18 Apr 2019 - Ore 10:30)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy