Home » » Autostrada: diritti e consigli per gli espropriati

 

Autostrada: diritti e consigli per gli espropriati

L’Associazione Aptudes elenca il ‘‘decalogo’’ per i proprietari dei terreni interessati dai lavori del lotto 6A Tarquinia-Civitavecchia
Gli avvocati Capuani e Brancati: «In nessun modo consigliamo il fai da te. L’assistenza professionale qualificata è indispensabile»

TARQUINIA - Dieci diritti e 10 consigli per i proprietari dei terreni interessati dagli esprori per consentire il passaggio dell’autostrada tirrenica Civitavecchia-Livorno. Mentre infatti i tecnici Sat continuano a lavorare per la realizzazione del lotto 6A Tarquinia-Civitavecchia, l’associazione Aptudes-Tutela Esprori con sede a Civitavecchia continua l’azione per tutelare gli espropriati. “Abbiamo in quest’ultimo mese incontrato numerosi cittadini soggetti ad esproprio ed abbiamo cercato di fare loro un po’ di chiarezza - dichiarano gli avvocati Stefano Capuani, responsabile della sede Aptudes di Civitavecchia e Corrado Brancati, vicepresidente dell’associazione - Le situazioni che abbiamo e che stiamo affrontando sono le più disparate, da persone a cui viene demolita la casa, che ovviamente, molto preoccupati, si sono rivolti a noi, a coltivatori privati di porzione del loro campo e quindi della loro fonte di reddito”. “Ciò che tuttavia più colpisce – dicono i due esperti - è l’assoluta disinformazione sia in tema di diritti dei proprietari sia in tema di procedure da seguire per tutelarsi a fronte dell’esproprio. La gente che ci chiama e che ci viene a trovare è spaesata, si sente impotente e talvolta è addirittura disperata. Il messaggio da dare, però, e che, se si seguono le procedure di legge e si agisce tempestivamente, è possibile difendersi ed avere un ristoro praticamente integrale del danno che si subisce”.“Teniamo a chiarire - avvertono gli avvocati Capuani e Brancati, unitamente all’avvocato Russo vicedirettore espropri, che in nessun modo consigliamo una sorta di fai da te ai proprietari. L’assistenza professionale qualificata è indispensabile in procedure così complicate. Tuttavia è bene che i proprietari possano avere nozioni più precise sui loro diritti: solo così riusciranno a vincere quella sensazione di impotenza che spesso è la causa di gravi danni”. “I terreni edificabili - spiegano dall’associazione - devono essere pagati al valore venale del bene; e il consiglio è di Attivarsi rapidamente: spesso i tempi per una piena tutela sono di 30 giorni dalla ricezione degli atti da parte degli enti esproprianti”. “I terreni agricoli – proseguono - devono essere pagati al valore agricolo reale del bene. Il consiglio: non accettare la prima offerta dell’ente espropriante se non dopo attenta riflessione: essa è spesso inadeguata e l’accettazione non è mai revocabile, neppure in caso di mancato pagamento. Terzo, le abitazioni e i manufatti devono essere pagati al valore venale degli stessi, quindi rivolgersi immediatamente all’Associazione o a professionisti esperti in espropri che lavorino in team (tecnici e avvocati)”. “Devono – proseguono dall’Aptudes - essere indennizzati i danni che la porzione residua del bene subisce a seguito di esproprio parziale: non credere quindi a promesse di rideterminazione da parte degli enti esproprianti: solo attivandosi quando viene proposta l’indennità provvisoria di esproprio si possono evitare i lunghi tempi e i costi di un processo in Corte di Appell. Va altresì corrisposta un’indennità aggiuntiva per l’occupazione d’urgenza dei beni: chiedere pertanto da subito di avvalersi dello strumento dell’arbitrato tecnico ex art. 21 d.p.r. 327/2001: è sicuramente lo strumento migliore per avere il rispetto dei propri diritti”. “Le aree soggette ad occupazione temporanea per opere di cantiere – dicono ancora gli avvocati - devono essere indennizzate proporzionalmente: non temere di attivare tale strumento: le spese di fatto sono a carico dell’ente espropriante. Deve inoltre essere corrisposta un’indennità aggiuntiva a favore dei proprietari che coltivino personalmente dei terreni espropriati: non attendere il giudizio della Commissione Provinciale Espropri: raramente si otterrà soddisfazione. E ancora, chi abbia in affitto terreni che sono oggetto di esproprio ha diritto ad un’indennità: avviare, ove possibile, una trattativa con l’ente espropriante, ma solo dopo essere sicuri di aver bloccato i termini per la tutela dei propri diritti. Le abitazioni che pur non espropriate risentano gravi danni dalla costruzione dell’opera hanno diritto ad un indennizzo: adire pertanto il Tar solo in casi estremi: i costi sono alti, i tempi lunghi e la tutela spesso è limitata. L’indennità provvisoria dall’ente espropriante proposta può essere da subito incassata a titolo di acconto. Per questo il consiglio è farsi seguire da professionisti esperti per tutto il percorso fino al pagamento della somma: numerosi sono i trabocchetti in agguato a danno degli espropriati»

(02 Nov 2011 - Ore 19:45)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Miasmi al Miami, il comitato di quartiere incontra l'Assessore

    10 Ott 2019 - Riunione nei giorni scorsi a palazzo Falcone per discutere della problematica che affligge i residenti da anni. Lo scorso anno era stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Civitavecchia. Ieri diverse le zone della città colpite dalla puzza di bruciato. Cerreto avvolto da una cappa di fumo. Odore acre avvertito fino a Valcanneto

  • Torna la “Marcia degli alberi”

    09 Ott 2019 - Il corteo sfilerà domenica mattina per alcune vie della città fino a raggiungere i giardini di via Firenze. Sabato in piazza Rossellini al via la seconda edizione di “Adotta e cresci una quercia”

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy