Home » » La ‘‘decrescita felice’’ per superare la crisi economica

 

La ‘‘decrescita felice’’ per superare la crisi economica

MONTALTO DI CASTRO. La ricetta di Fare Verde illustrata durante il convegno dal titolo ‘‘Meno e meglio’’
Gli ambientalisti puntano su tecnologie meno invasive, meno rifiuti e meno sprechi

MONTALTO - Nella sala del complesso monumentale San Sisto a Montalto di Castro, si è svolto il convegno-dibattito dal titolo ‘‘Meno e meglio’’ organizzato dall’associazione ambientalista Fare Verde che festeggia i 25 anni di vita. E l’associazione per superare l’attuale crisi economica punta sulla ‘‘decrescita felice’’.
«Sta finendo un’epoca storica iniziata con la rivoluzione industriale – ha detto il presidente del movimento per la decrescita felice Maurizio Pallante – dobbiamo proporre un modello energetico alternativo. La decrescita è la strada da percorrere. Servono tecnologie meno invasive per l’ambiente ma allo stesso tempo occorre produrre meno rifiuti ed eliminare gli sprechi. Siamo coscienti che la crisi rimette in discussione gli stili di vita delle persone. La galassia dei movimenti locali – ha concluso - crea legami per diventare protagonista e non antagonista». Dopo i saluti di Fabiola Talenti e Silvano Olmi, rispettivamente consiglieri comunali a Montalto di Castro e Tarquinia, è toccato a Giancarlo Terzano ripercorrere la storia di Fare Verde che da sempre ha criticato il modello di sviluppo.
Interessante l’excursus storico del presidente nazionale di Fare Verde Massimo De Maio.
«Abbiamo superato i limiti ecologici del pianeta – ha detto De Maio – non ci sono più spazi di crescita economica. Una crescita esponenziale ed infinita è impossibile. Le fonti fossili vanno verso l’esaurimento, il riscaldamento del pianeta è un fatto accertato, c’è una sovrapproduzione di merci e le crescita non incrementa il benessere. Non basta rallentare – ha concluso - bisogna cambiare rotta e riportare i livelli di produzione e di consumo in limiti accettabili». La soluzione, vista dal fronte ambientalista, è quella di puntare al miglioramento tecnologico e organizzativo dei processi economici ad esempio consumando i prodotti locali e rendendo le case più efficienti energicamente. Lo scrittore e critico letterario Giuseppe Giaccio, ha avuto un approccio più filosofico.
«L’economia – ha detto - non è una tecnica per la crescita infinita ma va intesa come la cura e gestione della casa. C’è bisogno di un primo confronto con la politica che dovrebbe accogliere questa istanza». «Decrescere è l’elemento della sfida reale di oggi – ha detto Eduardo Zarelli - mentre la politica intende la crescita come indispensabile, come se fosse una dimensione naturale»

(31 Ott 2011 - Ore 20:44)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.
Archivio PDF

LA PROVINCIATV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

ENERGIA E AMBIENTE

  • Blitz di Goletta Verde al largo di Tvn

    10 Ago 2019 - Esposto uno striscione con scritto "Nemico del clima". Legambiente: "Nel Lazio sono pari a 11,5 milioni di tonnellate le emissioni della produzione energetica da fonti fossili, il 78,5% provenienti dalla ciminiera di Civitavecchia" 

  • Servizio irriguo, garantito fino al termine della stagione

    07 Ago 2019 - Il sindaco annuncia che ha ufficialmente richiesto alla Multiservizi la proroga al 30 settembre. Pascucci: «In autunno sarà necessario trovare delle soluzioni alternative»  

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy