DOMENICA 16 Dicembre 2018 - Aggiornato alle 19:26

Home » » Vecchia: blackout Giovanissimi, bene gli Juniores

 

Vecchia: blackout Giovanissimi, bene gli Juniores

di MATTEO CECCACCI

Doveva essere un fine settimana migliore in confronto al weekend scorso, ma quello che si è verificato sabato e domenica nei vari terreni di gioco è stato soltanto un copione, giocato sulla falsa riga della giornata precedente, soprattutto per gli Allievi e i Giovanissimi. A tenere alta la bandiera nerazzurra soltanto gli Juniores Elite del tecnico Pino Brandolini che hanno battuto 2-0 al Fattori il fanalino di coda Atletico Acilia. Nella giornata di sabato i classe 2000, senza lo squalificato Forieri, hanno dovuto fare i conti con il vento che si è abbattuto nel campo di Via Bandiera. I primi 45’, terminati con il risultato di 0-0, hanno visto equilibrio tra le due compagini. Le occasioni iniziano a farsi vive dopo il 5’, il primo ad impegnare Bartolomei è capitan Pietranera, ma la conclusione termina di poco fuori. Gli ospiti rispondono con il loro attaccante Fermi con un gran tiro dalla distanza, ma Paniccia è bravo a smanacciare in angolo. Alla mezz’ora arriva il botta e risposta tra le due squadre: se prima è Indorante ad impegnare il portiere a stendersi nell’angolino basso, a rispondere ci pensa Bupimi con un colpo di testa che trova però un Paniccia in splendida forma. Nella ripresa la Vecchia vuole il vantaggio e lo trova appena dopo 2’ con il centravanti Nicola San Martin, bravo a sfruttare il passaggio di Marras per appoggiare il pallone in rete. L’Atletico Acilia cerca di reagire, ma ogni conclusione sarà vietata dall’estremo difensore nerazzurro. Nel corso della gara mister Brandolini manda in campo anche diversi classe 2001, pupilli di Rocchetti, come l’attaccante Stefano Gravina, bravo a farsi notare dal pubblico presente dimostrando di saper giocare bene anche con ragazzi più grandi di lui. Alla mezz’ora arriva il raddoppio firmato ancora San Martin, bravo a trafiggere Bartolomei in uscita. Per l’attaccante tirrenico è la prima doppietta stagionale e si conferma sempre di più perno fondamentale per la squadra e per la società. Al triplice fischio è 2-0 Vecchia e può così vantare il ritorno al successo dopo l’inaspettato stop con il Settebagni nella giornata scorsa. Ora i nerazzurri ritornano al sesto posto della graduatoria con 37 punti all’attivo a +1 dall’Urbetevere e a -3 dal Campus Eur e Savio, sperando di arrivare nella zona playoff. Per la Vecchia ora c’è la difficilissima trasferta di sabato prossimo a Via del Baiardo contro la capolista Tor di Quinto di Patron Massimo Testa, consapevoli però dell’andata, quando in quell’undici novembre scorso i nerazzurri obbligarano i campioni d’Italia al primo pareggio stagionale. Per l’Atletico Acilia è sempre più crisi, e con molta probabilità, anche se mancano ancora sette partite alla fine del campionato, i capitolini sono giá consapevoli di dover abbandonare la categoria a fine stagione.
Terza sconfitta consecutiva e tredicesima stagionale per gli Allievi Elite del tecnico Andrea Rocchetti che domenica in un Tamagnini gelato hanno perso 2-0 contro i rivali del Certosa di mister Stefano Torretti, terza forza del girone. I nerazzurri, reduci da due sconfitte esterne, Grifone e Savio, subiscono il terzo stop negli ultimi 10’ della ripresa. I tirrenici, inoltre, hanno dovuto fare a meno dei numerosi infortunati come i difensori Tomaselli e Vassalli per non parlare dei squalificati Gravina e Caravani, quest’ultimo ancora un turno da saltare. Tante assenze che hanno obbligato il mister a portare in panchina ben cinque rinforzi datati classe 2002: Marini, Colilli, Gandolfi, Prestigiacomo e De Paoli oltre al solito titolarissimo Marco Luciani. I neroverdi, invece, devono fare i conti con la pesantissima assenza tra i pali del talentuosissimo portiere Federico Cavolata (convocato quest’anno in rappresentativa). Il classe ‘01, presente tra gli spalti, ha subito un infortunio che lo terrà lontano dai campi per circa due settimane. A sostituirlo il secondo portiere Simone Grani, altra grande garanzia. I primi 40’ hanno visto buon gioco, dovuto anche alla grande attenzione che i ventidue calciatori hanno messo in atto per scrutarsi a vicenda. Unici squilli sono quelli di Luciani, bravo a impegnare Grani sul palo destro e la conclusione di Fonseta, terminata fuori grazie alla parata di Sanfilippo. La ripresa riparte dallo 0-0. La partita si fa viva e piena di occasioni, sia da una parte che dall’altra, ma ad avere la meglio alla fine sono gli ospiti che siglano l’1-0 grazie al colpo di testa di capitan Gjega che, approfittando di uno svarione difensivo, viene lasciato da solo in area dove può fare tutto se non spiazzare Sanfilippo. Rocchetti dalla panchina è inferocito, varia subito le cose inserendo in campo diversi rinforzi, causati anche dai molti calciatori titolari in diffida, ma le occasioni risultano non pervenute e l’unica palla gol la creano i ragazzi di Torretti che mettono a segno il definitivo 2-0 grazie alla rete di bomber Demofonti. Al triplice fischio esultano i romani che possono così vantare un terzo posto in solitaria con 47 punti all’attivo a +1 dal Grifone e a -2 dal Savio, prossima rivale dei neroverdi nel big match valevole per la nona giornata di ritorno. Per il Civitavecchia terzultimo posto con soli 22 punti a -2 dalla Totti Soccer School in attesa della trasferta di domenica prossima nella capitale con la diretta concorrente Almas Roma in un vero e proprio scontro salvezza assolutamente da vincere. «Mi dispiace - commenta mister Rocchetti al termine della gara - per la sconfitta, perché abbiamo giocato bene. Sono molto arrabbiato per il primo gol che abbiamo subito, non ci possiamo permettere di concedere spazi a queste squadre in particolare nella nostra categoria. È vero - conclude il tecnico nerazzurro - che siamo reduci da due sconfitte consecutive, ma veniamo da prestazioni come quella col Grifone prima e Savio dopo dove abbiamo dimostrato di essere una squadra che vale moltissimo. Stiamo facendo un buon girone di ritorno, ora bisogna solo vincere con l’Almas, poi alla salvezza ci si pensa».
Niente da fare per il team di Pasquale Oliviero e i suoi Giovanissimi Elite che perdono il derby coi cugini del Ladispoli nel modo peggiore. I rossoblu di Luciano Civero hanno servito una cinquina straordinaria in una partita a senso unico stradominata fino al 70’. Un percorso lungimirante quello dei classe 2003 che sta rendendo orgogliosa tutta la dirigenza dell’Angelo Sale. I nerazzurri, dopo l’unica vittoria ottenuta nel girone di ritorno contro il Villalba l’undici febbraio scorso, non sono stati capaci di prendere coraggio per cercare di vincere le successive partite in modo tale da raggiungere la salvezza, oramai diventata più che un miraggio. Da segnalare l’assenza di entrambi i portieri della rosa, a partire dal titolare Alessio Fioretti squalificato, e il secondo estremo difensore Alessandro Conti, infortunatosi appena arrivato dell’Aurelio Fiamme Azzurre. Tra i pali il classe ‘04 di Gualtieri Senserini con Bracchi in panchina. Il primo tempo è di marca rossoblu e nonostante le molte occasioni sprecate, i locali riescono a siglare solamente due gol: l’1-0 è opera di capitan Colace mentre il raddoppio porta la firma di Deiana. Nella ripresa il Civitavecchia risulta non pervenuto, solo alcuni tiri dalla distanza invadono la metà campo ladispolana. Dopo il 20’ arriva il tris rossoblu in meno di 5’: il 3-0 lo segna Bezziccheri, il poker Di Giacomo e la cinquina la chiude il classe 2004 Galletti. Una gara a senso unico, dove il Ladispoli con questa brillante vittoria, può vantare un quarto posto con 45 punti all’attivo a +2 dall’Ottavia, prossima rivale dei rossoblu in un match tutto da vivere. Per i nerazzurri tanta amarezza e rammarico. Stati d’animo che devono far sorgere domande spontanee alla dirigenza di Largo Martiri di via Fani, perché non è concepibile che una squadra con calciatori di prestigio che hanno giocato al nazionale e hanno vantato numerosi provini non riescano a vincere. Probabilmente anche il discorso allenatori ha il suo buon peso, ma di certo un’eventuale retrocessione tra sette giornate condannerà il club ad una categoria elite in meno, e allora tutte queste domande diventeranno solo un rimorso. 
Dal prossimo weekend nuovamente in campo anche Allievi e Giovanissimi regionali fascia B.

(27 Feb 2018 - Ore 17:43)

Commenti

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

Commenti

Invia nuovo commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Elementi HTML permessi: <a> <em> <strong> <cite> <code> <ul> <ol> <li> <dl> <dt> <dd>
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.

Ulteriori informazioni sulle opzioni di formattazione

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che visualizzi nell'immagine.

PRIMA PAGINA WEBTV

Inviaci le tue foto
Meteo Lazio

NOTIZIE DALLE AZIENDE

  • Luci e ombre della Multiservizi

    15 Dic 2018 - Al conseguimento di utili si contrappone il disagio delle maestranze delle farmacie comunali. Da tempo lamentano condizioni di lavoro gravato da turni impossibili a causa di personale licenziato o pensionato che non è stato mai reintegrato; tagli persino sui buoni pasto e mancato riconoscimento dei premi di produzione   

ENERGIA E AMBIENTE

ROMA E REGIONE

ITALIA E MONDO

archivio articolo 1999 - 2005



Quotidiano telematico fondato nel 1999 da Massimiliano Grasso - © Copyright Retimedia, c.f. 10381581007 - Reg. Trib. di Civitavecchia n° 2/2000 del 30/8/00 - ISSN 2037-9471 - Direttore responsabile Luca Grossi
Riproduzione riservata.
E' vietato ogni utilizzo di testi, foto e video senza il consenso scritto dell'editore - Privacy Policy